Si inaugura l’Auditorium “P. Innocenzo Massaro” al Roseto con la Rassegna artistica Erranza curata dal Teatro di Gluck

L’apertura di un nuovo spazio dedicato alla cultura è una lieta notizia per Avellino che, infatti, venerdì 11, alle ore 19,30, potrà dare il proprio è benvenuto al neonato Auditorium “P. Innocenzo Massaro” presso il Roseto di Avellino e alla sua prima rassegna dal titolo “Erranza”.

“Invito in (S)cena” è la serata inaugurale, una cena di beneficenza con la presentazione della rassegna e i piatti di chef Luigi Vitiello, Presidente Associazione Cuochi della Campania.

L’Auditorium è intitolato al compianto Padre Innocenzo Massaro, francescano e fondatore del Roseto, la cui immagine benevola accoglie il visitatore della struttura da lui fondata per l’accoglienza degli anziani.

“Il Teatro di Gluck cura la direzione artistica della rassegna – spiegano Elena Spiniello e Maurizio Picariello – che prosegue una collaborazione già iniziata con la Direzione del Roseto. L’Auditorium “Massaro” è un vero e proprio teatro, fortemente voluto dalla Direzione del Roseto. L’Erranza è sia la necessità di cambiamento, sia la perdita dei punti di riferimento consolidati. Un sentirsi in viaggio, una ricerca del proprio luogo, sempre in atteggiamento di attesa, disponibili al cambiamento e alla condivisione dei luoghi che ci sono affidati. L’erranza richiama la migrazione, una migrazione che può essere intesa in senso mistico, come sviluppo di un percorso interiore, un percorso legato ai cambiamenti. In questa accezione ci è sembrato pertinente affiancare la nostra rassegna a questo termine vicino alla nostra terra e a chi, come noi, ha scelto di compiere, con gli altri, con i rimasti, con chi torna, con chi arriva, piccole utopie quotidiane di cambiamento”.

I programma della rassegna sarà aperto, l’8 febbraio, dalla Lumanèra; l’8 marzo sarà la compagnia “Il Teatro dell’Osso” a portare in scena “Il fulmine della Terra. Irpinia 1980” con la regia di Mirko De Martino; il 5 aprile l’appuntamento è con “Erranza in Corto” con i cortometraggi selezionati da Antonio Spagnuolo. 

Dall’ 11 gennaio al 12 aprile sarà visitabile la mostra “Erranza/Errantia” con le immagini del fotografo Antonio Bergamino.

Il 25 gennaio, le compagnie Co.C.I.S e Teatro 99Posti porteranno in scena “Storie di terra, di suoni e di rimori” con la regia di Gianni Di Nardo.

Il 22 febbraio arrivano chef Buglione con il producer Papa Lele, per “Dub & Patan”, cooking show con dj set; il 22 marzo è la volta del gruppo i Makardia. Il 12 aprile l’esperienza si chiude con un convegno curato dallo storico Andrea Massaro, fratello del già citato Padre Innocenzo e memoria storica della nostra città grazie alle innumerevoli pubblicazioni storiche di cui è autore. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *