Domani 11 Marzo alle ore 18.00, presso il noto locale di Avellino Masà Dinner Club, Via Carmine Barone, 1/C Avellino la Conferenza Stampa di presentazione del programma nazionale di formazione continua SANITA’ START, progettato dalla società irpina Espansione, che prevede la direzione scientifica del Prof. Carmine Malzoni.

Interverranno, oltre a Carmine Malzoni, il presidente dell’OBR Campania Rete Fondimpresa Alfredo Loso e, per Espansione, il Consigliere Sergio Antonio Bolognese.

Saranno presentate le attività in start up ed in particolare le azioni di comunicazione a sostegno dell’iniziativa.

Il progetto è stato approvato finanziato al 1° posto nella graduatoria unica nazionale di Fondimpresa ed interverrà in tre regioni, coinvolgendo circa 1.000 operatori della sanità.

Dettagli sul progetto sul sito di Espansione (http://www.espansionesrl.com/html/sanita_start.html).

Dichiarazioni:

Santucci la Sala Josefina – Presidente di Espansione
«Il connubio Gruppo Malzoni – Espansione s.r.l. ha prodotto negli anni un vero fiume di risorse che la lungimiranza del Prof. Malzoni ha indirizzato verso attività ad alto tasso qualitativo. Sanità Start sarà l’ennesima esperienza di successo per l’esportazione di un modello di formazione nel settore sanitario che abbiamo ormai consolidato e che ha dato e darà ancora risultati eccellenti».

Olga Acanfora – Presidente Sezione Sanità Unione degli Industriali di Napoli
«Espansione ha portato in sanità una quantità di risorse e di risultati formativi che pongono la Campania in una posizione di assoluta leadership nel settore. Anche in questo progetto sarà certamente confermato il ruolo conquistato con creatività, professionalità e grande determinazione, il tutto per la qualità dei servizi sanitari erogati al cittadino».

Il progetto – abstract

SCHEDA SINTETICA PROGRAMMA
Denominazione provvisoria: “SANITA’ START”
Tipologia: Programma Formativo Settoriale Multiregionale ai sensi
dell’Avviso 01/2007 di FONDIMPRESA
Data presentazione a FONDIMPRESA: 1° scadenza: 31 ottobre 2007
Sintesi dell’idea progetto: Sanità Start è un programma integrato di formazione continua e di informazione/sensibilizzazione con interventi rivolti al
personale operante nelle aziende sanitarie private aderenti a Fondimpresa
Aree tematiche 1) Ambiente, sicurezza ed innovazione organizzativa 2) Sviluppo organizzativo 3) Competenze gestionali e di processo
Aziende aderenti: 23
Destinatari/Profili professionali Personale dipendente delle imprese: Personale addetto al coordinamento dei servizi, Medici specialisti, Medici a vario titolo impiegati nei reparti, Infermieri, Altre professioni sanitarie.
Regioni interessate: 3 (Campania – Calabria – Basilicata)
Interventi formativi previsti: 3
Interventi area medica e management dei servizi 1 – Risk management
Interventi sperimentali area medica e management dei servizi 2 – ECDL Health – Sperimentazione
Interventi infermieri ed altre prof.sanitarie 3 – DMSL e tecniche di movimentazione del paziente

ABSTRACT DI PROGETTO
Nella seduta del 1° agosto 2007, la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province
autonome di Trento e Bolzano, ha deliberato il ”Riordino del Sistema di Formazione Continua” nel settore sanitario in un accordo che recita: …“L’Italia è l’unico paese che prevede ECM obbligatorio non solo per i medici ma per tutte le professioni sanitarie (circa 1.000.000 di soggetti). Questa decisione è basata sul giusto principio che la qualitàdell’azione sanitaria non dipende solo dagli atti dei medici, ma da tutta la filiera di decisioni e di azioni dei vari professionisti della sanità coinvolti in una determinata procedura sanitaria…”.
Questo passo dell’accordo è particolarmente significativo: mettere al centro dei servizi sanitari il paziente significa creare “una rete” di professionalità che operano e convergono “in gruppo” intorno all’esigenza di salute del singolo individuo. Prima di avviare la fase di ricerca ci siamo posti alcune domande: la sanità ed in particolare la sanità privata in Italia opera con le logiche “di rete”? Le azioni delle singole professioni sanitarie si integrano realmente all’interno delle procedure assistenziali? I medici delle diverse specialità, le altre professioni sanitarie, il personale preposto alla direzione e/o al coordinamento dei servizi, i consulenti preposti alla qualità ed alla sicurezza, agiscono con “logiche di gruppo”? L’offerta di aggiornamento professionale nel settore sanitario favorisce questi processi? Le metodologie per l’aggiornamento professionale sono coerenti con questi processi? L’analisi dello scenario di settore parte dalla verifica del contesto di “team building” nell’operatività dell’impresa sanitaria privata in Italia perché questo progetto vuole provare a disegnare una modalità di pianificazione di interventi formativi rivolti al personale dipendente delle aziende che agevoli “il gruppo” e lo sviluppo di dinamiche di integrazione tra le professioni sanitarie nell’ambito dei servizi erogati.
Ciò può avvenire a diversi livelli: nella valorizzazione dei contenuti didattici trasversali alle diverse professioni sanitarie; nell’aggiornamento in materia di procedure condivise (“che uniscono”) per la gestione dei servizi; nella composizione del “gruppo aula misto” che favorisce la reale integrazione operativa dei servizi; nell’implementazione delle competenze informatiche che agevolano (rendono possibile?) la creazione di una
“rete”; nella somministrazione di percorsi di orientamento mirati alla condivisione del “gruppo”; nella partecipazione a community corsuali ispirate alla condivisione motivata dei percorsi di aggiornamento.
E’ questo il substrato su cui fonda questo progetto: fornire un contributo fattivo, attraverso il
momento formativo, alla strutturazione di servizi sanitari incentrati sul paziente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *