Mercoledì 25 febbraio, alle 15, presso la “Domus Talenti” di Roma, si presentano i risultati di “Sanità Start – III Programma Multiregionale Settoriale della Sanità Privata”, realizzato dalla società irpina Espansione e finanziato da Fondimpresa a valere sull’Avviso 1/2007
Rilevanti le dimensioni del progetto, che ha coinvolto tre regioni (Campania, Calabria, Basilicata), con ben 101 corsi di formazione completati, 4.880 ore di formazione erogata a 1.013 partecipanti di quasi tutte le professioni sanitarie, che hanno conseguito oltre 34.000 crediti ECM.
Oltre al Direttore scientifico di Sanità Start, prof. Carmine Malzoni, e al Referente del progetto, Sergio Antonio Bolognese, infatti, saranno presenti esponenti di Confindustria Roma e Napoli, dei sindacati nazionali e regionali.
Per Confindustria Napoli saranno presenti: Alfredo Loso – OBR Campania Rete Fondimpresa; Giuseppe Cannistrà e Ottavio Coriglioni mentre Confindustria Roma sarà presente con Francesco Ferroni.
Le tre sigle sindacali, CGIL, CISL e UIL, saranno presenti con i responsabili regionali, Andrea Giannini, Aldo Baratto, Arnaldo Autorino e nazionali con Rosanna Dettori, Daniela Volpato, Giovanni Torluccio mentre per Fondimpresa interverrà il Direttore Michele Lignola.
Durante l’incontro sarà proiettato il documentario di Antonella Russoniello e Luca De Ciuceis dal titolo “Sanità start” che racconta, con immagini ed interviste, i brillanti risultati conseguiti da un progetto che, come nello stile di Espansione, ha fatto della metodologia innovativa, dell’ascolto delle reali esigenze dei destinatari e della volontà di fare formazione in modo efficace, il segreto del proprio successo.
«Siamo certi di aver scritto non una pagina – commenta il referente di progetto e manager di Espansione Sergio Antonio Bolognese – ma un capitolo di buona formazione, lo abbiamo fatto con passione insieme a tanti partner di qualità spesso più importanti ed incisivi è per questo che proseguiremo per sensibilizzare aziende e lavoratori della sanità verso attività di formazione continua di buona qualità, nell’interesse di tutti, per il rafforzamento delle posizioni lavorative, per una maggiore competitività delle imprese private, ma soprattutto per incidere sul livello delle prestazioni verso gli utenti finali. Proporremo ancora percorsi formativi valorizzando il ruolo di docenti qualificati e motivati e ricercheremo ancora risorse finanziarie perché tutto ciò cui abbiamo partecipato possa conservare un alto profilo. Recentemente abbiamo coniato un nuovo slogan: i più grandi progetti formativi … per tanti… ma non per tutti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *